Alterazioni e problemi ATM possono causare acufeni

Acufeni

Acufeni.

Principalmente la malattia si manifesta con rumori e click alle orecchie e/o affaticamento dei muscoli masticatori.

Particolarmente rilevante, se non di vitale importanza è l’inquadramento del paziente da un punto di vista clinico.

In particolare va eseguito uno studio radiologico completo statico e dinamico del rachide cervicale, ed una valutazione Posturale e Posturolometrica approfondita.

Tipi di acufeni.

Principalmente se ne distinguono due tipi.

Il Primo l’acufene oggettivo.

E’ determinato da un suono che si genera all’interno del corpo.
Generalmente è causato da anomalie vascolari.
Determina l’insorgenza di un flusso ematico turbolento che attraverso il tessuto osseo viene trasmesso all’organo dell’udito.

Il Secondo l’acufene soggettivo.

E’ il più comune e rappresenta una percezione personale di un suono in assenza di un qualsiasi rumore reale.

Esistono altri tipi di acufeni.

Principalmente derivano da alterazioni e problemi dell’articolazione temporo mandibolare o ATM.
Infatti, alcune componenti dell’orecchio medio hanno un’origine comune con la mandibola e sono funzionalmente collegati anche alla muscolatura masticatoria e mimica.

Anatomicamente  l’articolazione tempro mandibolare, essendo posizionata bilateralmente e medialmente al meato acustico esterno si articola con l’osso mandibolare e con l’osso temporale.
Connette il condilo mandibolare con la fossa mandibolare del temporale.
Infatti il movimento complesso della mandibola nei tre piani dello spazio è fondamentale per la masticazione e la fonazione e influisce sull’assetto della colonna vertebrale.
E sul funzionamento della  muscolatura cervicale e dorsale arrivando a condizionare le curvature della colonna vertebrale e di conseguenza la postura e l’equilibrio.

Questa e una delle principali causa di acufene” non uditiva.”

Le modificazioni come le asimmetrie, le malocclusioni dentali, il bruxismo e lo stress sono responsabili di un’eccessiva contrattura dei muscoli masticatori.
Provocano una sovra stimolazione del muscolo del martello, determinando un’eccessiva suscettibilità dell’orecchio interno da associarsi ad acufeni e sordità.
Gli squilibri si trasmettono alla muscolatura cervicale, che assume contratture patologiche che secondo la teoria ”somatosensoriale” possono innescare acufeni.

Le tecniche e l’analisi posturale da noi eseguita.
Associate al trattamento posturale che tende al riallineamento dei segmenti vertebrali e alla normalizzazione delle tensioni muscolari.
Possono migliorare la qualità di vita delle persone con acufeni.

Con il coinvolgimento dell’odontoiatra e del posturologo-posturometrista, oltre che  dell’otorinolaringoiatra viene programmando un lavoro di equipe, dove si giunge ad una corretta diagnosi ed a una terapia integrata.

È importante quindi che tutti abbiano le giuste nozioni .
Per poter individuare eventuali  patologie e per poter indirizzare correttamente il pazienta affetto da acufeni.

Valuta l'efficacia di una analisi posturale

Prenota una prima visita valutativa, è GRATUITA!

ARTICOLO PRESENTE IN:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH