Punto neutro fisiologico e ATM

Punto neutro fisiologico.

Il Punto Neutro Fisiologico rappresenta la condizione di equilibrio articolare in fisiologia.
Cioè quella posizione nello spazio dove i legamenti di entrambi i lati presentano la stessa tensione.

Il Punto Neutro fisiologico è presente e riscontrabile sia:rimodellamento delle ATM e il Punto neutro fisiologico
In condizioni fisiologiche (PUNTO NEUTRO FISIOLOGICO.)
In condizioni disfunzionali, (PUNTO NEUTRO DISFUNZIONALE.)

Il “Punto Neutro Disfunzionale” veniva indicato in passato con me “Punto Neutro Patologico.”
Esso rappresenta la condizione di disequilibrio articolare, che è quella posizione nello spazio dove i legamenti di entrambi i lati sono in disequilibrio.

Il “Punto Neutro Funzionale” rappresenta la condizione di equilibrio articolare.
Esso rappresenta la posizione nello spazio dove i legamenti di entrambi i lati presentano il massimo equilibrio possibile tra tutte le tensioni e quindi la minima differenza possibile di tensione.

Nel nostro lavoro è importantissimo sapere dove è situato questo punto neutro fisiologico.

L’attrizione

L’attrizione è il termine utilizzato per descrivere l’abrasione delle superfici dei denti durante la masticazione o da altre cause come il digrignamento tipico del bruxismo.

In condizione di abrasione dentale fisiologica continuata.
Le relazioni occlusali
non sono statiche ma cambiano gradatamente durante il corso della vita.
Così l’efficienza masticatoria non viene pregiudicata, e il processo serve a stabilire e mantenere le relazioni occlusali ideali.

In caso di abrasione dentale non fisiologica continuata.
L’attrizione occlusale
progressiva è accompagnata da variazioni compensatorie che servono a mantenere l’equilibrio tra i componenti masticatori per il funzionamento ideale.

La perdita di smalto e della dentina di un dente o più, viene compensata dalla riduzione della altezza facciale o dall’ipo o iper sviluppo alveolare con spostamento occlusale dei denti.

Inoltre vi è uno spostamento anteriore o posteriore dell’arcata mandibolare in relazione con il mascellare.
Questa relazione di variazione dell’arcata comprende un movimento dei denti mandibolari in relazione ai mascellari, così come un ristabilimento del corpo della mandibola.

Il rimodellamento delle ATM e il Punto neutro fisiologico

Se consideriamo le (Articolazione-Temporo-Mandibolare,) come sopportatrici di carico durante parte del ciclo masticatorio e sapendo che hanno la capacità di compensarsi in seguito a richieste funzionali alternate, come quelle che derivano da una attrizione progressiva.
L’adattamento alla pressione occlusale verrà realizzato attraverso processi di rimodellamento, evidenti sulle superfici occlusali e nelle superfici articolari.

Il rimodellamento delle ATM (Articolazione-Temporo-Mandibolare,) serve a mantenere l’equilibrio tra le strutture e la funzione dei tessuti articolari, esplicando un’importante correlazione di funzione ideale ma patologica.

La degenerazione dell’ATM è associata ad una severa attrizione dei denti e quando l’equilibrio è perduto per esigenze funzionali che superino la capacità di rimodellamento adattativo.
Se consideriamo le ATM come sopportatrici di carico durante parte il ciclo masticatorio e che abbiano la capacità di compensarsi in seguito a richieste funzionali alternate, così come quelle che derivano da una attrizione progressiva.

Il rimodellamento delle ATM serve a mantenere l’equilibrio tra le strutture e la funzione dei tessuti articolari, esplicando un’importante correlazione di funzione ideale ma patologica.

La degenerazione dell’ATM, è associata ad una severa attrizione dei denti e quando l’equilibrio è perduto per esigenze funzionali che superino la capacità di rimodellamento adattativo.

L’equilibrio del sistema stomatognatico, si deve ottenere partendo dall’eccitazione neuronale corretta di articolazioni, muscoli, periodonto, mucosa, periostio e altre strutture. 

Prodotti attraverso Apparecchi Ortopedici Funzionali.(Sia ortodontici che protesici.)
Applicati nell’ambito di modelli adeguati nel tempo, intensità e qualità, sfruttando la velocità di conduzione dell’impulso nervoso adeguato. Per il raggiungimento dei risultati clinici nel minor tempo possibile a seconda del caso (W.A.SIMOES. 1974.)

SEGUE: Deviazione della Linea Mediana

https://wilmasimoes.com/

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH